• Urbanistica

940x94_bannerino_urbanisticaLa Fondazione Labò in campo urbanistico opera per la qualità urbana. La ricerca della presenza o dell’assenza della qualità in rapporto ai territori, alle città, agli insediamenti e alle relazioni che si stabiliscono tra essi, per quanto difficile, sta diventando espressione di una precisa esigenza per la popolazione ed ambito di studio di importanza pari solo alla sua complessità per gli urbanisti.
Rispetto a questo tema la Fondazione pone da sempre la questione di allargare i pur necessari controlli scientifici ad un insieme di saperi e competenze che non sono sempre esprimibili con l’esattezza del numero perché si rivolgono prevalentemente alla conoscenza ed interpretazione degli spazi costruiti, delle loro continue trasformazioni.

La comprensione dei fenomeni urbani deve infatti potersi estendere alla complessità del reale, assumendo tutti gli elementi di contraddizione, ambiguità, diversità, soggettività che lo caratterizzano in quanto prodotto della dimensione umana.
Da tempo gli stimoli provenienti dalla società inducono a costruire nuove forme per il governo del territorio pena la inefficacia e l’insuccesso delle azioni intraprese, mentre la crisi dei modelli tradizionali ha lasciato spazio alla sperimentazione delle teorie e delle pratiche.
La qualità urbana dipende dalla qualità degli spazi pubblici, delle strade e degli spazi della circolazione quali ambiti delle relazioni sociali, quanto da quella degli edifici al cui interno si sviluppano gli aspetti pubblici e privati della quotidianità.
La definizione del progetto e la sua realizzazione, costituiscono di fatto un processo creativo di un nuovo organismo edilizio o urbano che deve trovare la sua collocazione in una dimensione qualitativa effettivamente percepita.