La Fondazione

La Fondazione è stata costituita il 16 settembre 1983. La Fondazione è intitolata ai nomi di Mario e Giorgio Labò. La scelta di tali nomi è particolarmente significativa poiché, in Mario Labò (1884-1961) Genova trovò una delle personalità più rilevanti proprio nel campo delle ricerche sull’architettura e sulla città.
Mario Labò esplicò un indimenticabile ruolo di animazione culturale risvegliando la memoria storica (si ricordino le monografie su G.B. Castello, C. Barabino, G. Alessi, L. Cambiaso, V. Castello, O. De Ferrari, P. Di Vaga), nonché‚ aprendo al dibattito internazionale (si pensi alle traduzioni del Giedion, Mumford e Pevsner).
Mario Labò è pertanto la figura ideale per indicare quella finalità di mediazione e di animazione culturale che la Fondazione a lui intitolata si propone di perseguire. Giorgio Labò, figlio di Mario, colto dagli eventi bellici mentre era studente di architettura presso il Politecnico di Milano entrato nella resistenza divenne artificiere dei GAP, fu catturato il primo febbraio del 1944 e sottoposto a tortura fu fucilato il 7 marzo dello stesso anno.

La sintesi dell’elemento culturale e dell’elemento etico-politico così intensamente realizati nella pur breve e acerba esperienza di Giorgio Labò è degna d’essere commemorata in modo duraturo dalla Fondazione che anche al suo nome è dedicata e che nello svolgimento delle proprie attività istituzionali dovrà tener fede ad un vigile impegno affinché‚ le trasformazioni urbane siano sempre animate da una rigorosa verifica conoscitiva e da un esplicito fine eticamente connotato.
I principali enti pubblici operanti nel territorio ligure hanno manifestato attenzione ed interesse aderendo all’iniziativa. Fanno parte della Fondazione Labò: il Comune di Genova, l’Associazione Industriali della Provincia di Genova e la Provincia di Genova.
Attraverso i propri lavori la Fondazione ha offerto e può offrire un contributo degno di considerazione non soltanto agli enti pubblici e privati che si avvalgano degli studi e delle ricerche condotte dalla Fondazione stessa, ma anche ai giovani laureati che nei primi anni della loro vita professionale incontrano spesso gravi difficoltà. Anche per loro la Fondazione è stata creata, sì da consentire ai laureati più meritevoli l’occasione di approfondire le conoscenze maturate durante il corso di studi confrontandosi con temi e problemi più direttamente correlati alla realtà urbana e regionale su cui essi in futuro dovranno operare.

940x75_bannerino_statuto

Organizzazione

Presidente
Luigi Lagomarsino

Consiglio di Amministrazione
soci: Filippo Ape, Carmela Avagliano Gambardella, Tomaso Badano, Fabia Begliomini, Pietro Boragina, Lionello Calza, Luciano Campagnolo, Guido Campodonico, Angelo Caruso di Spaccaforno, Pietro Cozzani, Andrea De Caro, Francesco Saverio Fera, Marco Franzone, Paola Gambaro, Gian Michele Gancia, Antida Gazzola, Gian Luca Grigatti, Luigi Lagomarsino, Luigi Lembo, Luigi Mangini, Giuseppe Marcenaro, Roberto Melai, Roberto Orgera, Simona Origone, Elisabetta Panina, Mauro Parilli, Vincenzo Parisi, Andrea Pasetti, Paolo Rosasco, Stefano Sibilla, Patrizia Timossi, Pierpaolo Tomiolo, Mauro Traverso, Andrea Vergano
enti associati: Città Metropolitana di Genova - membro designato: Luisa Stefani, Comune di Genova – membro designato: Francesco Saverio Fera, Confindustria Genova - Presidente

Comitato esecutivo
Luigi Lagomarsino (Presidente)
Francesco Saverio Fera, Simona Origone, Paolo Rosasco, Mauro Traverso

Revisori dei conti
Marco Franzone, Paola Gambaro, Luigi Mangini

Tutti i componenti del comitato esecutivo non percepiscono alcun compenso per la carica ricoperta.
Adempimenti ai sensi Art.22 comma 3 D. Lgs. 33/2013 su sito istituzionale dati ex Artt. 14 e 15.